• Davide Gaeta

8 curiosità sul film THE GUARDIAN

“C’è una leggenda che parla di un uomo che vive in fondo al mare, è un pescatore di uomini, l’ultima speranza per tutti i dispersi in balia delle acque, è conosciuto come il Guardiano”

Pellicola uscita in sala nel 2006 con circa 55 milioni di dollari di incassi, The Guardian racconta le storie del Capo di 1°Classe Ben Randall (Kevin Costner), veterano dei Rescue Swimmer della Guardia Costiera degli Stati Uniti, e Jake Fischer (Ashton Kutcher), recluta aspirante aerosoccorritore.

Se sei un appassionato di soccorso acquatico l'avrai sicuramente visto più volte, tuttavia non sarai a conoscenza di alcune di queste curiosità:


1) Soltanto acqua dolce

Tutte le scene in mare sono state girate in realtà in un'enorme piscina, costruita da imprenditori locali ingaggiati dalla produzione. Le superfici oceaniche, le onde, gli spruzzi e la pioggia, sono ovviamente frutto di effetti speciali.

Inoltre sul set sono state utilizzate quasi 30 tonnellate di ghiaccio per ricreare alcune location che inizialmente dovevano essere filmate in Alaska.


2) Tra cinema e realtà

L'incidente iniziale è basato in parte su una storia vera avvenuta il 7 agosto del 1981, il crash dell'elicottero HH-3F 1471 in cui persero la vita quattro uomini della US Coast Guard nel tentativo di soccorrere un peschereccio tra il vento e la nebbia del Golfo dell'Alaska.

Nella pellicola vengono utilizzati anche dei filmati reali di incidenti forniti alla Disney (che ha distribuito The Guardian in USA) dalla Royal Navy britannica e dalla Coastguard Agency.


3) Personaggi già visti

Clancy Brown interpreta il Capitano William Hadley, stesso grado e cognome del personaggio che interpretava ne Le ali della libertà del 1994, mentre una delle reclute del corso è interpretato da Mark Gangloff, nuotatore olimpico medaglia d'oro al XXVIII Olimpiade di Atene


4) Un marinaio poco acquatico

Ashton Kutcher ha raccontato che, per non trovarsi impreparato sul set, ha cominciato ad allenarsi col nuoto 8 mesi prima dell'inizio delle riprese. La cosa gli dispiaceva parecchio. "Detesto l’acqua" - ha detto a un giornalista che lo intervistava. "Non mi è mai piaciuta e odio persino fare il bagno nella vasca".


5) L'allenatore

Per le scene acquatiche gli attori sono stati allenati dal mitico Michael Newman, attore di Baywatch con tanta esperienza reale come lifeguard tanto che già ai tempi della nota serietv era considerato il tecnico per le scene operative.

Newman si è occupato più volte di allenare star che dovevano affrontare scene in acqua durante i loro film, tra i suoi assistiti anche Tom Hanks.


6) Il salvataggio vero

Qualche mese dopo la fine del film, Kutcher ha messo in pratica quanto imparato salvando da probabile annegamento un turista. Si trovava in vacanza in Turchia, in barca, e tra i suoi compagni di viaggio c'era un dottore ubriacone di 80 anni che un giorno, dopo aver bevuto più di un goccetto, ha pensato bene di tuffarsi e di allontanarsi. A un certo punto ha cominciato a sentirsi male, e così Ashton si è precipitato in acqua e lo ha riportato sull’imbarcazione.


7) Il record

I record che vengono mostrati sul tabellone, durane le scene dell'addestramento, non sono poi così elevati per chiunque faccia sport in acqua ad un buon livello.

Ad esempio il record di Fischer di 3:03 in oxygen deprivation (apnea statica) l'ho abbondantemente superato nel mio primo corso di apnea, come tanti altri co-partecipanti.


8) Non c'è solo una fine

Nella versione DVD è presente anche un finale alternativo. Tuttavia per evitare spoiler non vado nei dettagli né su questo, né su quello originale.




0 commenti

Post recenti

Mostra tutti